Categoria: Cucina

Perché usare lo scaldabiberon e non il microonde

No Comments

Lo scaldabiberon viene spesso sottovalutato quando si acquistano gli accessori necessari per la cura di un bambino. Molte mamme e molti papà, infatti, preferiscono scaldare il latte utilizzando il microonde, un elettrodomestico presente in tutte le case che in pochissimi secondi scalda qualsiasi cosa. Tuttavia è sempre meglio scegliere di acquistare il miglior scaldabiberon per avere la giusta sicurezza per il proprio bambino.

Lo scalda biberon, per prima cosa, consente di impostare la temperatura migliore per il latte che è di circa 37 gradi, con il microonde questo non è possibile. La differenza nelle due procedure sta infatti nella capacità di scaldare uniformemente qualsiasi tipo di liquido, latte compreso, propria dello scaldabiberon ma non del microonde: utilizzando quest’ultimo spesso si nota al tatto una temperatura di un certo tipo alla base, molto diversa da quella del poppatoio.

Su moltissime scatole di latte in polvere viene espressamente sconsigliato di scaldare il latte utilizzando il microonde, in altri casi invece si possono trovare consigli, come l’importanza di agitare il biberon e di verificare la temperatura sulla mano prima di somministrarlo. Questo aspetto non riguarda lo scaldabiberon, che può essere utilizzato senza nessun tipo di problema con qualsiasi marca di latte in polvere.

Non tutti sanno che i biberon in plastica colorata possono raggiungere temperature molto più elevate rispetto a quelli trasparenti o in vetro: in questo caso è fondamentale utilizzare uno scaldabiberon, ottimo sia con modelli colorati che con modelli in vetro. Raggiungendo un’alta temperatura in pochi secondi con il microonde, il vetro potrebbe lievemente incrinarsi.

Stando ad alcuni studi, inoltre, il latte riscaldato con il forno a microonde comporta la perdita di alcuni enzimi e nutrienti essenziali. La percentuale può andare dal 60% al 90%, per questo motivo è bene utilizzare uno scaldabiberon (senza però fargli superare i 45 gradi, temperatura alla quale si distruggono gli enzimi).

Tante ricette per sfruttare al massimo il tritatutto

No Comments

Il tritatutto è un elettrodomestico classico, immancabile nelle nostre cucine: consente di ottimizzare i tempi di preparazione dei piatti più gustosi della nostra tradizione, di risparmiare tempo e fatica per lavare coltelli e taglieri, di divertirsi a sminuzzare tutto ciò che ci passa per la testa, stimolando la creatività immancabile in cucina. Come sfruttare al meglio il proprio tritatutto? Per prima cosa, sottolineiamo che ne esistono modelli di tutti i tipi: da quelli manuali, azionabili per mezzo di una manovella da far ruotare, a quelli ultra-tecnologici, dotati di particolari lame, contenitori e strumenti utili per la manutenzione. Il tritatutto è indispensabile per poter tritare finemente biscotti, frutta secca, spezie e ortaggi per la preparazione di battuti ideali per poter gustare in compagnia dei propri cari, deliziosi manicaretti e pietanze da leccarsi i baffi.

Per un antipasto delizioso, per esempio, una genuina salsa da accompagnamento per patatine e nachos, da preparare col proprio tritatutto a corda, lascerà di stucco i propri ospiti: tritando due cipolline, una dozzina di pomodori ciliegia, un paio di spicchi d’aglio, il tutto condito con olio, sale e pepe, in pochi secondi si avrà pronta la propria salsa. Che dire di una bella omelette veloce e gustosa? È sufficiente tritare tre uova, diluite con un bicchiere di latte o di panna, e insaporirle con sale e pepe a piacere. Un piatto gustoso, ideale anche per gli amanti della colazione salata e all’americana!

Con il proprio tritatutto è possibile preparare qualsiasi cosa: una buona zuppa di asparagi, ad esempio, richiede semplicemente un mazzo di punte di asparagi, uno spicchio d’aglio, una tazza di brodo di pollo, un vasetto di yogurt, sale e pepe a piacere. In pochi istanti, una deliziosa cenetta sana e genuina sarà pronta da gustare; per un po’ di sfizio in più, perché non tritare un po’ di pane secco, saltato in padella con olio e aglio, da spolverare sulla propria zuppa di asparagi? Il tritatutto dà modo a ognuno di noi di sentirsi veri e propri chef nella cucina più buona del mondo: quella della nostra casa.